side-area-logo

STILE NOMADE

Campeggio nella selva dell’Abruzzo

Nel cuore dell’Italia c’è l’Abruzzo, nel cuore dell’Abruzzo c’è Heartland e nel cuore di Heartland si trova il campeggio. Dai tempi dei mongoli, e anche prima, i nomadi avevano come loro roccaforte l’Ordu (il campo di tende), un’unità che trascendeva anche la stessa tribù, e il campeggio che stiamo costruendo a Heartland mira ad un tipo speciale di campeggio, il cui nucleo è l’esperienza collettiva, vivendo sulla terra stessa nelle tende nomadi.

Le tende di Heartland sono le tradizionali yurte turkmene realizzate da una rete di artigiani in una serie di eventi in campagna. La sensazione di espansione che si prova ogni volta quando si entra in una yurta è meravigliosa, è come entrare in una cattedrale fatta di legno e tela. Mentre di notte si sta sdraiati sulla Terra sul tradizionale materasso di lana kirghisa, guardando le stelle attraverso il lucernario centrale, il sonno e i sogni si mescolano con terra e correnti, portando salute e benessere.

IL POTERE DEL LUOGO

Nella confronto con bosco si trovano piscine fluviali, rocce gigantesche nel mezzo delle foreste e verdi colline ondulate di fronte all’incredibile maestosa vista del massiccio della Majella. Camminando nel silenzio all’interno dei boschi di querce accanto ai piccoli ruscelli, ci si collega con il potere della terra. La valle dell’Avventino rimasto come migliaia di anni fa – puoi percepire i pastori nomadi sanniti camminare seminudi nel sussurro della foresta. La fauna abbonda: i caprioli brucano sotto gli ulivi, i lupi girovagano per le foreste e sulle colline si vedono orde di cinghiali. Poiane e falchi volano in cerchio e, all’inizio d’state, mille farfalle di giorno diventano di notte un spettacolo di lucciole.

Nei tempi antichi, la Sibilla (l’Oracolo) pronunciava le sue profezie vicino a delle sorgenti di guarigione e si dà il caso.

ABRUZZO: IL CUORE VERDE DELL'EUROPA

Una terra di tradizioni durature

L’Abruzzo è una terra del mistero, che non ha mai dimenticato la sua storia e le sue origini: tradizioni, cucina, folclore. Antiche varietà di cereali e verdure hanno resistito agli effetti del tempo moderno. Si ripresenta ancora come una fortezza contro la corrente principale della cultura italiana, come quando i sanniti, i loro popoli nomadi, combattevano contro Roma. Per noi questa forza e un simbolo per una terra che può dare la soluzione per il ritorno alle zone rurale, contro un globalizzazione mondiale.

Ringiovanimento sulle colline ai piedi della sacra